Onda su onda

onda su onda

“A casa erano ancora presi a disfare i bagagli e a litigare per l’assegnazione dei letti. Mi infilai il costume da bagno, agguantai la mia tavola da surf e me la svignai senza dire una parola”. Un amore che dura da una vita quello tra William Finnegan, giornalista e scrittore americano classe 1952, e la tavola da surf.

Leggi tutto

Il mio luogo del cuore

Lo ammetto, sono fortunata. Ho un parco proprio sotto casa, anzi, mi piace pensare di averlo un po’ anche dentro casa. Le finestre del soggiorno infatti sembrano quasi incorniciare i rami degli alberi, tristi e nudi d’inverno, ricoperti di tenere foglioline brillanti in primavera. Se mi sporgo appena, riesco a vedere la fontana con le rocce, al centro, e più in là, sulla sinistra, il campetto di calcio: un fazzoletto di terra spelacchiata desolatamente privo di porte, circondato da una rete ormai logora. I ragazzini, però, lo riempiono a qualsiasi ora, sfidandosi senza sosta in dribbling ostinati che parrebbero impossibili in quei pochi metri.

Jane Austen,

Jane Austen, “Mansfield Park”

Quante giornate ho trascorso sulle panchine lì accanto! Interi pomeriggi a guardare la figurina esile di mio figlio stagliarsi contro il cielo blu, sempre più forte, sempre più in alto, su quell’altalena che sembrava volare. Un tempo fuori dal tempo, eternamente dilatato. Un tempo vuoto, in cui i pensieri vagano liberi, senza forma e senza meta. Perché la cosa bella di un parco è che ti accoglie sempre. Senza giudicare, senza chiedere nulla in cambio. Con la pioggia e con il sole, in qualsiasi momento della giornata.

Jerzy Kosinski,

Jerzy Kosinski, “Oltre il giardino”

Spesso ci trovi riunite insieme, una accanto all’altra, le diverse età della vita: i neonati in carrozzina, i più grandicelli nel campo giochi, gli adolescenti che parlottano in piccoli gruppi timidi e sfrontati, in sella ai motorini. E poi donne sole, giovani e meno giovani, badanti ucraine con le loro vecchiette in sedia a rotelle e pensionati ancora aperti alla vita. Tutti cercano qualcosa, uno spazio rubato alla frenesia cittadina, un contatto, forse un sorriso. Si guardano, si osservano, si studiano. Con ironia e curiosità, con tenerezza e nostalgia. Intanto, un bimbo sfreccia felice sulla piccola giostra: un altro giro, un altro giorno, un’altra storia.

Sergej Dovlatov,

Sergej Dovlatov, “Il parco di Puskin”

“Raccontandosi” sbarca a Senigallia per il primo Festival Internazionale del Self Publishing


ISPF_logoPromuovere l’incontro, lo scambio di idee ed esperienze tra autori indipendenti e professionisti dell’editoria, per celebrare il Self Publishing come opportunità di un vero e proprio “Rinascimento” del settore ai tempi della rete. Questo l’obiettivo che ha spinto Narcissus.me, la piattaforma di autopubblicazione di Simplicissimus Book Farm, a organizzare il primo International Self Publishing Festival, che si terrà a Senigallia (An) dal 19 al 20 di ottobre.

L’evento, totalmente gratuito, si svolgerà nella splendida cornice del Foro Annonario, per rendere anche plasticamente l’idea di uno spazio nel quale i nuovi professionisti dell’editoria digitale siano liberi di presentare le proprie “mercanzie”, ovvero i propri servizi, agli autori indipendenti e a tutti gli aspiranti selfpublisher.

Il marketing più efficace? La storia della propria azienda

Foto libro Grom

Oggi abbiamo avuto la prova provata che il lavoro che facciamo, in particolare quello di scrivere la storia delle aziende, ha un senso.

Stiamo leggendo il libro (pubblicato da Bompiani) che racconta la nascita di Grom, la mitica gelateria ormai diffusa in tutto il mondo, il cui slogan è “Il gelato come una volta”.

I due fondatori, Federico Grom e Guido Martinetti, hanno iniziato una decina di anni fa spinti da una “magnifica ossessione”: fare il gelato più buono del mondo, usando esclusivamente ingredienti naturali e scegliendo le materie prime più pregiate. Avevano capito che, per andare avanti, bisognava tornare al passato.

E non importa che nessuno dei due sapesse nulla, ma proprio nulla, di come si fa il gelato. Non si sono certo fatti fermare da un simile dettaglio. Erano prima di tutto amici, molto amici, e questo sentimento trasuda dalle pagine del libro insieme alla passione, alla curiosità, alla voglia di continuare a credere in un sogno invece che dar retta alle tante persone ciniche e senza scupoli che li consideravano dei matti. Senza prendersi troppo sul serio, senza mai scordarsi che la cosa più importante, e più difficile, è continuare a divertirsi.

Insomma, il libro si legge che è un piacere e così, passando davanti a uno dei loro negozi, siamo finalmente entrate per provare il gelato Grom. A parte il fatto che è buonissimo, ci è sembrato di entrare in casa di amici. Abbiamo visto l’insegna blu fiordaliso, riconosciuto il bancone di cui tanto raccontano e le mitiche “carapine”, scelte per contenere il gelato in contrapposizione alle solite vaschette.

Non credo che lo avremmo fatto senza aver letto quelle pagine. Conoscere la storia che c’è dietro ha trasformato un semplice marchio in qualcosa di caldo e familiare. Se non è marketing efficace questo…

Nell’arco di una vita

Giovanni Lucchi non aveva nulla di ordinario. Come il suo mestiere. Era uno degli archettai più famosi al mondo, fabbricava archetti per strumenti a corda che hanno suonato tra le mani dei più grandi musicisti contemporanei.

Giovann Lucchi RaccontandosiElegante, un po’ sornione, serio e giocoso al tempo stesso, viveva concentrato nel suo laboratorio ma sempre aperto sul mondo, teso a coglierne ogni più piccola vibrazione. Conoscerlo, nell’esatto momento in cui si era deciso a raccontare la sua storia, è stata un’esperienza unica. Il foulard al collo, gli occhi accesi, il ritmo tra le dita, ci ha affidato i suoi trionfi e le sue debolezze, i suoi esperimenti e le sue cadute, il suo metodo e le sue speranze.

Noi lo abbiamo ascoltato, aiutandolo a mettere un po’ – non troppo – d’ordine tra i suoi ricordi. Da quando, bambino, saliva sullo sgabello per affrontare il contrabbasso, molto più alto di lui, a quando ha escogitato un metodo empirico per misurare la trasmissibilità del legno, da quando suonava con gli amici su e giù per la riviera romagnola a quando si è guadagnato la fiducia di Rostropovich, regalandogli un archetto elastico e balzante come la sua intelligenza, come la sua passione.

Il suo racconto si è trasformato in un libro, Nell’arco di una vita, che oggi verrà presentato a Mondomusica, a Cremona.

Per saperne di più, http://www.lucchicremona.com